lunedì 30 marzo 2009

Pacco siciliano #2 - Natura morta ragusana


Lucia: Ehi! Sono tornata!

Renzo: munch-munch-munch


Lucia: Ooh! Ci sei? Sai chi è venuto oggi a lavoro?


Renzo: munch-munch glomm! Burp.


Lucia: Ehi, ma neanche mi saluti?


Renzo: glu-glu-glu-glu, munch


Lucia: Ah, eccoti. Dicevo, sai chi... ma cosa mangi? Ommioddìo, chi hai svaligiato?


Renzo: Ciao, munch-munch, guadda cofa è arrivato, munch-munch


Lucia: Vedo, del cibo.


Renzo:
Del cibo?! 'I ciappi, 'i passuluna, 'u cosacavaddu, 'u calaurisi, 'u tumazzu che' sbiezzi, 'u broulu e la marmellata d'arance.


Lucia: See, vabbe',
satterre, mannago, osumana, carraro, sonnino, patagarro e la marmellata d'arance. Che lingua è?!?


Renzo: I pomodori secchi, le olive nere appassite, il caciocavallo ragusano, il Cerasuolo di Vittoria, la toma con il pepe nero, la provola e la marmellata.


Lucia: Farsi l'amante come tutti no?

3 commenti:

Tommy David ha detto...

Toh, 'u tumazzu che' sbiezzi non l'ho ancora trovato da queste parti. Dove te l'hanno preso?

(Per noi di sotto l'Etna è 'a tuma per eccellenza -- altresì conosciuta come pecorino. E quello che sgranocchiavi tu, era di pecora o vacca?)

Tommy David ha detto...

(Comunque nella lista hai dimenticato u broulu, ovvero la provola che s'intravede in fondo...) ;-)

RENZO ha detto...

Il pecorino della foto è talmente grasso che sospetto ci sia anche del latte di capra. E' stato preso dal droghiere sotto casa a Vittoria e ad essere sincero, è il più buono che abbia mai assaggiato.

broulu? correggo ;)